Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
In evidenza

Home > In evidenza > Varenna: il borgo magico sul lago di Como

Varenna: il borgo magico sul lago di Como

Varenna accoglie annualmente 500 mila visitatori, incantati dalla sua bellezza naturale e artistico-architettonica

Splendido borgo sul ramo lecchese del Lago di Lario, Varenna è riconosciuta come il “diamante del Lago di Como”. Oggi, da piccolo centro di pescatori, si conferma una cittadina suggestiva, avvalorata da molte strutture in stile lombardo, palazzi e antiche chiese. 

Settecento abitanti e cinquecentomila turisti l’anno, per un flusso che scorre lungo i dodici mesi. Sono numeri che già dicono parecchio sull’attrattività di Varenna, uno scrigno di bellezza paesaggistica, artistico-architettonica ed urbanistica sul lago di Como, che affascina italiani e molti, moltissimi stranieri. A rendere ancora “più vicina” la meta, i buoni collegamenti che la servono, con la ferrovia che la connette a Milano in un’ora, i battelli che fanno la spola tra le rive del lago e i bus che garantiscono l’approdo nei centri più importanti.

“È un luogo ‘magico’, per dirlo con la parola che più sentiamo ripetere dai visitatori, in particolare quelli internazionali”, fa sintesi il sindaco Mauro Manzoni, alla guida di un’amministrazione che deve garantire il meglio per i residenti e, allo stesso tempo, rispondere efficacemente all’importante e costante afflusso di visitatori. I quali, per la verità, “non chiedono molto, se non ordine, pulizia e gentilezza, potendo vivere così al meglio del molto che qui la natura e la sapiente convivenza dell’uomo nel corso della storia hanno dato”. Condizioni che tuttavia, richiedono un impegno costante per mantenere Varenna nella sua attuale bellezza e dare un motivo in più per venire o ritornare in questo originale e poetico borgo. Da qui, spiega il sindaco, “l’azione per valorizzare ogni dettaglio del territorio e per prendersi cura dei beni artistici che punteggiano il nostro ambiente, oltreché garantire tutti i servizi che supportano l’attività di ricezione di quasi 300 strutture”.

Tra natura, lago e montagna, il centro è attraversato da sentieri e passeggiate, che consentono di entrare a far parte del contesto, alla scoperta di scorci e paesaggi ricchi di storia e dal fascino ancora intatto. Ormai famosissima è la “Passerella degli innamorati”, la camminata lungolago voluta negli anni Ottanta dal sindaco Giorgio Monico, cui è dedicata, e originariamente battezzata con il nome di “Passeggiata degli studiosi”. Qui, infatti, trovavano il luogo adatto di meditazione o di confronto i Professori di fisica, che giungevano a Varenna per partecipare ai simposi internazionali della Scuola Internazionale di Fisica fondata da Enrico Fermi. A Varenna hanno infatti soggiornato più di 60 premi Nobel.

Villa Monastero e Villa Cipressi, poi, sono solo alcuni dei luoghi storici che hanno donato fama e interesse internazionale a Varenna, dominata dall’alto dal castello di Vezio e arricchita dalla presenza di diverse chiese, eccellenti esempi di diversi periodi della storia religiosa lombarda. Villa Monastero uno dei siti storico- paesaggistico-ambientali principali del territorio, grazie anche alla sua posizione privilegiata. Il complesso è formato dalla villa, oggi un museo e un centro congressi, e dallo splendido giardino botanico, esteso per oltre un chilometro lungo la sponda del lago. Magnifico complesso è quello di Villa Cipressi, formato da edifici e giardini tra il 1400 e il 1800. La Villa rappresenta un perfetto connubio tra antichità e funzionalità moderna, grazie a un accurato restauro. Di proprietà comunale e altri Enti pubblici, attualmente adibita a rinomato hotel-ristorante, viene scelta da decine e decine di coppie provenienti da tutto il mondo per pronunciare i loro voti nuziali.

Quattro le chiese che si affacciano sulla piazza e la via centrale: la chiesa di San Giorgio, consacrata nel 1313, perfetto esempio di architettura lombarda del XIV secolo; la chiesa di San Giovanni Battista - l’antica chiesa madre di Varenna - risalente all’XI secolo; la chiesa di Santa Marta, costruita attraverso i secoli con una sola navata e la copertura a botte; la chiesetta di Santa Maria delle Grazie, in perfetto stile barocco. La chiesa dell’Annunciazione arricchisce poi la vicina frazione di Fiumelatte. Suggestiva cornice a tutto il borgo, il castello di Vezio, un antico avamposto militare di origine basso medioevale, eretto a difesa e controllo del lago e dei borghi circostanti dalla regina longobarda Teodolinda.
 
 
 
COMUNE DI VARENNA
Varenna (LC) 
www.comune.varenna.lc.it
 

 

Condividi su:

ARTICOLI SIMILI

Val d'Ega una perla nascosta nelle dolomiti in alto adige

Tra il Catinaccio e il Latemar, la Val d’Ega è la meta perfetta per famiglie, escursionisti, sportivi e appassionati del buon cibo

LEGGI L'ARTICOLO
Camogli, una perla che si specchia nel mare

Elegante e autentica allo stesso tempo, Camogli è una meta turistica ideale tutto l’anno, grazie al suo clima mite e all’offerta naturalistica e culturale

LEGGI L'ARTICOLO
Lazise: un angolo di pace vista lago

Piccolo gioiello del Garda, Lazise è un borgo incantevole affacciato lungo la sponda veronese del lago, meta tra le più visitate d’Italia

LEGGI L'ARTICOLO
Bologna: la gemma culinaria e storica dell’Italia

Visita Bologna: un viaggio attraverso i sapori e i segreti di una città immersa nel cuore dell'Emilia-Romagna

LEGGI L'ARTICOLO
Una comunicazione integrata per la
valorizzazione territoriale e la promozione turistica

ITALIA PIÙ “La Rivista dei Comuni e del Territorio”

si conferma una straordinaria vetrina per tutti coloro che desiderano promuovere la propria immagine nei confronti di un target di lettori di prestigio. La rivista offre un sistema di comunicazione integrata, mirata e personalizzata, capace di fornire risposte “su misura” alle istanze più dettagliate per promuovere il territorio, il turismo e le eccellenze italiane del settore agroalimentare.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl